CHIUDI

    Inviaci un messaggio

    Compila il modulo sottostante per metterti subito in contatto con i nostri esperti

    Ho letto e accetto i termini della Privacy Policy.

    CHIUDI

    Chiama i nostri esperti

    Il nostro servizio tecnico è altamente specializzato
    e ti affiancherà passo passo nel tuo progetto.

    I nostri uffici sono aperti dal lunedì al venerdì
    dalle ore 9.00 alle ore 18.00 (GTM +1)

    +39 02 90632917

    Galleria Vomero | A56 Tangenziale di Napoli

    Risanamento strutturale della Galleria Vomero della A56 Tangenziale di Napoli

    LUOGO:

    Galleria Vomero | A56 Tangenziale di Napoli

    COMMITTENTE:

    Tangenziale di Napoli SpA - Autostrade per l’Italia SpA

    IMPRESA:

    Amplia Infrastructures SpA

    TIPO DI INTERVENTO:

    Risanamento strutturale della Galleria Vomero

    GALLERIA FOTOGRAFICA:

    Download documentazione

    Scheda referenza

    icona-download

    La galleria Vomero è identificata come opera d’arte n. 74 lungo l’autostrada A56, e presenta le seguenti caratteristiche geometriche e stradali: sezione in calcestruzzo policentrica, prevalentemente non armata, con fornice per singola carreggiata, a tre corsie per senso di marcia di larghezza media pari a circa 3,30 metri – piattaforma stradale pavimentata con larghezza complessiva di circa 10,25 metri comprensiva di banchine laterali; – sviluppo lineare delle gallerie pari a circa 1050 m (1056 metri per il fornice Est e 1052 metri per il fornice Ovest) -pendenza longitudinale pari a circa il 2,80%.
    La calotta è caratterizzata da uno spessore variabile da un minimo di 80 cm (in prossimità della chiave dell’arco) ad un massimo di circa 250 cm (in corrispondenza della base dei piedritti).
    Il tracciato della galleria si sviluppa in una formazione tufacea di spessore variabile con potenza massima (circa 60 metri) in corrispondenza della zona di Montedonzelli e minima all’imbocco ovest, in prossimità di via S. Giacomo dei Capri.
    L’approccio progettuale degli interventi manutentivi, è stato quello di procedere ad un rinforzo delle sezioni mediante la posa in opera di reti in vetroresina, capaci di migliorare la resistenza a trazione delle sezioni stesse, previa scarifica del rivestimento superficiale per uno spessore mediamente pari a 5 cm.
    Per l’ancoraggio delle reti in GRFP sono stati utilizzati uncini Φ 12, inghisati alla calotta mediante utilizzo di DRACOFIX EP, adesivo strutturale bicomponente a base di resine epossidiche per il fissaggio strutturale su superfici in calcestruzzo.
    Date le elevatissime capacità di adesione e il rapido sviluppo delle resistenze meccaniche DRACOFIX EP è indicato per l’ancoraggio di barre e l’incollaggio di elementi metallici, come nel caso degli uncini utilizzati per questo intervento.
    Successivamente alla posa delle reti è stato eseguito uno strato di spritz beton per il rinforzo delle calotte. La miscela è stata additivata con DRANITE AF 900, accelerante di presa, privo di alcali, specifico per calcestruzzi e malte proiettati. L’utilizzo di DRANITE AF 900 ha consentito di ridurre in maniera significativi i tempi di indurimento.
    Da ultimo è stata effettuata una tinteggiatura a spruzzo con DRACOSEAL in grado di penetrare nello strato corticale garantendo la massima adesione. Il prodotto utilizzato, inoltre, presenta un’elevata resistenza all’abrasione, alle azioni chimiche ambientali, ed ai prodotti di lavaggio che vengono utilizzati per la pulizia ordinaria del fornice. Per questa applicazione è stata scelta la versione di DRACOSEAL in colorazione bianco, che agevola la visibilità in galleria amplificando la luminosità artificiale degli impianti di illuminazione.